Oscar il gatto che predice la morte

gatto predice la morte oscarHo letto diversi articoli su questo famoso Oscar il gatto che predice la morte  e mi sono convinto che la storia di quello che fa, preannunciare il decesso di un paziente di circa 4 ore, è assolutamente credibile.

In sintesi il gatto di 2 anni è stato adottato in questo ospizio di Providence e si aggira abitualmente tra i pazienti ospiti della struttura.
Quando il gatto entra in una delle stanze e si mette seduto alla base del letto è il segnale che la persona purtroppo morirà entro circa 4 ore.
All’inizio il personale ed i responsabili pensavano ad una coincidenza ma dopo 13 casi di fila hanno cambiato idea. Ad oggi, cioè da quando hanno iniziato a notare il comportamento del gatto sono 25 le volte in cui ha “azzeccato” i decessi dei pazienti senza sostanzialmente fare errori. Una sola volta il gatto è entrato in una stanza ma è poi subito uscito. In questo caso il responsabile della struttura ha notato che il paziente mostrava la colorazione a tratti bluastra dei piedi, il respiro più affannoso, ed è stato informato che il paziente non mangiava da alcuni giorni, ha dunque avvertito i parenti ma in questo caso il gatto era in anticipo di circa 10 ore, ecco perchè era uscito dalla stanza, salvo rientrarvi 2 ore prima dell’effettivo decesso.
A livello pratico il personale ha quindi il tempo per avvertire i parenti che con buona probabilità il loro congiunto sta per morire questi dunque hanno circa 4 ore per arrivare all’ospizio per dargli un ultimo saluto.
Tutti sappiamo che gli animali avvertono rumori, odori che noi non siamo in grado di avvertire, in questo caso probabilmente si tratta di un misto di queste caratteristiche.
Se conoscete l’inglese e volete leggere i dettagli della sua storia, sulla prestigiosa rivista di medicina “New England Journal of Medecine” il responsabile del centro, il geriatra Dr.David Dosa racconta una giornata tipo di questo incredibile gatto: Un giorno nella vita di Oscar il gatto (in inglese)

The following two tabs change content below.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *